BARCELLONA TRA GAUDÍ E DALÍ

Barcellona-numistravel

BARCELLONA TRA GAUDÍ E DALÍ – 5 NOTTI 6 GIORNI
Barcellona è una metropoli affacciata sul mare dalle tante e contraddittorie anime.
L’anima catalana è la più spiccata e la rende una città gelosa della propria cultura e
delle tradizioni secolari, talmente orgogliosa della propria lingua da farla sopravvivere
all’oblio franchista.
La Barcellona cosmopolita è invece quella da sempre aperta alle tendenze straniere,
approdate grazie ad un porto attivissimo e alla vicinanza dei confini nazionali ed
interpretate qui in maniera originale. Città culturalmente vivace e protagonista di un
vertiginoso progresso economico, la capitale catalana è anche espressione concreta di
una continua volontà di rinnovamento. Il turista che la raggiunge scopre un città antica
e moderna al tempo stesso, dove alle maggiori rappresentazioni del gotico catalano si
15
affiancano spettacolari espressioni del Modernismo e dove l’accostamento tra un
vecchio quartiere di pescatori ed una moderna città olimpica non sembra poi così
irriverente. Il viaggio di istruzione propone una visita alle straordinarie opere
architettoniche realizzate nella città dal grande maestro Antoni Gaudí e un’escursione a
Figueras la città natale di Salvator Dalí il più geniale artista del secolo scorso.

1° GIORNO
Partenza dall’Italia, arrivo a Barcellona con possibilità di scegliere tra aereo, bus o nave.
Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

2° GIORNO – Le grandi opere di Gaudí
Incontro con la guida e visita alla Sagrada Familia uno dei simboli della città, opera
iniziata nel 1882 e tuttora in costruzione, è considerato il capolavoro architettonico di
Gaudí. L’architetto catalano ebbe non poche difficoltà nella realizzazione di questa
monumentale e particolarissima opera, purtroppo nel 1926, ben prima che venisse
completata la costruzione dell’edificio, morì a causa di un tram che lo travolse mentre
passeggiava per Barcellona.
Pausa Pranzo.
Nel pomeriggio visita al Parco Güell. Gaudí si occupò della realizzazione di questo
meraviglioso parco cercando di conservare l’andamento naturale del terreno in rilievo,
lasciando libero sfogo alla sua immaginazione e generando un’opera originale dal
profilo sinuoso. Per la sua costruzione fece impiego di variopinte ceramiche di
recupero e pezzi di vetro, utilizzati come tessere di mosaici colorati, assieme alle sue
sculture in calcestruzzo, che rappresentano tutto un universo di animali fantastici,
rifacendosi in maniera chiara al concetto del pittoresco. Fedele al suo stile, Gaudí creò
un’opera che si integra nella natura e che la riproduce: tra gli esempi, la passeggiata
coperta con delle colonne che hanno le forme dei tronchi degli alberi o delle stalattiti, le
fontane e le arcate artificiali di roccia.
Ritorno in hotel.
Cena e pernottamento.

3° GIORNO – Le case di Gaudí
La giornata è caratterizzata dalla visita guidata di alcune delle case progettate e fatte
costruire da Guadí a Barcellona in particolare casa Batlló e casa Milà.
Casa Batlló. Nel 1904 José Batlló, altolocato industriale del settore tessile, affidò a
Gaudí l’incarico di rimettere a nuovo un modesto palazzo acquistato l’anno precedente
sul Passeig de Gràcia, l’arteria principale del quartiere modernista dell’Eixample, zona
eletta dalla borghesia catalana dell’epoca quale sede dei propri spettacolari palazzi. Il
lavoro di Gaudí, completato nel 1907, modificò notevolmente l’aspetto dell’edificio,
rivoluzionando la facciata principale, ampliando il cortile centrale ed elevando due
piani inesistenti nella costruzione originale.
Pausa pranzo.
Nel pomeriggio visita a Casa Milà, detta La Pedrera (cava di pietra), fu costruita tra il
1905 e il 1912 da Antoni Gaudí a Barcellona, in Spagna, al numero 92 del celebre
Passeig de Gràcia, nella zona d’espansione dell’Ensanche (in catalano, Eixample), su
incarico di Roser Segimon e Pere Milà per il loro imminente matrimonio. Attualmente è
di proprietà della Caixa Catalunya, una cassa di risparmio catalana che ne ha fatto un
centro culturale. Dal 1984 è stata dichiarata dall’Unesco Patrimonio Mondiale
dell’Umanità, insieme ad altre opere di Gaudí.
Cena e pernottamento in hotel.

4° GIORNO – La collina di Montjüic
La giornata inizia con una traversata mozzafiato in teleferica dal porto alla collina di
Montjüic, per chi soffre di vertigini non è il caso di guardare in basso, ma per chi
vuole ammirare Barcellona dall’alto non potrà desiderare di meglio.
Montjuïc è la montagna situata tra la città ed il mare. Insieme al Tibidabo rappresenta
una delle due montagne che danno carattere e identità a Barcellona.
Durante la mattinata una guida vi accompagnerà sulla cima della collina dove domina
il castello con la sua fortezza e il museo militare, il mirador del Sindaco, da dove è
possibile ammirare dei panoramici fantastici sulla zona portuale e i giardini di Mossèn
Cinto.
Pausa pranzo.
Nel pomeriggio visita alla fondazione Miró. Si tratta di un meraviglioso edificio
risalente al 1975, frutto dell’estro di Josep Lluís Sert. Al suo interno la fondazione
accoglie una collezione di opere di Joan Miró ed anche esposizioni itineranti. Mentre
negli spazi all’aperto potrete contemplare le creative sculture di Mirò, come quella di
“Bon dia”. All’entrata della Fondazione, inoltre, risaltano un uccello di color arancio,
opera di Alexander Calder ed uno splendido monumento conosciuto con il nome di
Quatre Ales, (le Quattro Ali), situato prima nel viale di Pau Casals e poi finalmente
trasferito nella Fondazione.
La giornata si conclude con una sosta alla Fontana magica del Montjüic. Una
particolarissima fontana progettata da Carles Buïgas nel 1929 in occasione
dell’esposizione universale di quell’anno. Di sera inizia uno spettacolo molto
suggestivo con coreografie d’acqua, luci e musica, con getti d’acqua che arrivano fino a
quindici metri d’altezza.
Cena e pernottamento.

5° GIORNO – Figueres, la patria di Salvator Dalí
Arrivati a Figueres vi sembrerà di vedere uova giganti sui tetti delle case, palombari
appesi alle facciate dei palazzi e altri elementi fantastici, non preoccupatevi: non avete
le visioni e non siete stanchi per il viaggio. Sarete appena arrivati nel magico mondo di
Salvador Dalí, che a Figueres nacque e visse e a cui ha lasciato molte delle sue opere.
Le opere e la salma stessa dell’artista sono raccolte nel Museo a lui intitolato.
Dopo aver visitato il museo, passeggiata per le caratteristiche strade della stravagante
cittadina con possibilità di consumare pasti in loco.
Nel pomeriggio ritorno a Barcellona e passeggiata libera lungo le Ramblas il corso
principale di Barcellona nel cuore della città, costantemente affollato da giocolieri,
funamboli ed attrazioni di ogni genere.
Cena e pernottamento.

6° GIORNO
Ritorno a in Italia.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter